“Io credo fortemente nel fatto che con la Lega di Matteo Salvini si possa fare un buon lavoro per il Paese. Possiamo fare cose molto importanti”. Lo ha detto il capo politico del Movimento 5 Stelle Luigi Di Maio, a margine della sua visita a Salone del mobile di Milano. “So bene il momento politico che sta vivendo la Lega, ma ho avuto modo di testare la sua affidabilità quando abbiamo eletto le cariche istituzionali in Parlamento – ha concluso – e sono sicuro che se firma un contratto di governo tiene fede ai patti”. Poi, ha continuato Di Maio: “Da ieri siamo in un momento del Paese in cui stiamo riscrivendo i libri di storia e un nuovo futuro. La sentenza di ieri di Palermo è uno spartiacque tra passato e futuro del paese. In qualche modo ieri l’Italia ha fatto pace con il suo passato e oggi può iniziare a creare un futuro senza scheletri nell’armadio”.

Su un eventuale incarico a Roberto Fico, Di Maio ha risposto in maniera diplomatica:  “Deciderà il presidente Mattarella ma se mi chiedete di Fico, ho solo cose buone da dire. Guardiamo a lui come una figura di garanzia che è stata in grado in questo momento – ha aggiunto parlando del Capo dello Stato – di assicurare la sua imparzialità nella gestione di questo incarico prestigioso”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Trattativa, il ‘Berlusconi politico’ è ancora di ostacolo al cambiamento

prev
Articolo Successivo

Consultazioni, il teatro dei burattini

next