Telefonate che si susseguono: prima Calderoli e poi Matteo Salvini, con i due che poi dialogano a lungo nell’Aula del Senato. Il leader della Lega sembra spazientito, mentre il senatore Candiani parla a lungo con esponenti del M5S. Questo accade prima delle ore 18, quando Matteo Salvini decide di scendere nella sala stampa di Palazzo Madama per annunciare: “Abbiamo votato Bernini”. Nell’Aula del Senato a quel punto si susseguono i capannelli di esponenti di Forza Italia attorno a Paolo Romani con Maurizio Gasparri molto irritato con il collega leghista Candiani, mentre la forzista Anna Maria Bernini dialoga con i pentastellati Morra ed Andrea Cioffi. Paolo Romani è sempre più scuro in volto, mentre Salvini ride e scherza seduto nei banchi con i fedelissimi Calderoli, Centinaio e Candiani. Da parte di Forza Italia si percepisce nervosismo nei colloqui fitti tra Romani e Gasparri prima, e dallo stesso candidato del centrodestra (fino a questa mattina) e Licia Ronzulli, neo senatrice azzurra. Al termine della seduta e della seconda votazione per l’elezione del Presidente del Senato, lo strappo tra la lega e Forza Italia è sempre più vicino.