È morto in Kenya lultimo rinoceronte settentrionale bianco maschio: era l’unico esemplare al mondo. L’animale è stato addormentato definitivamente a seguito di un ulteriore aggravamento delle sue condizioni di salute, legate a complicazioni degenerative muscolari ed ossee dovute all’età e alle numerose ferite superficiali di cui soffriva. La notizia è stata confermata da Richard Vigne, capo della riserva Ol Pejeta Conservancy, dove l’animale viveva al riparo dai bracconieri. Con la scomparsa di Sudan, questo il suo nome, rimangono in vita solo due esemplari femmina di questa specie.

“Verrà ricordato per aver fatto crescere nel mondo la consapevolezza della situazione in cui si trovano non solo i rinoceronti, ma anche le altre migliaia di specie a rischio estinzione a causa dell’uomo e delle sue attività”, hanno commentato i responsabili della riserva, dove vivono le uniche due femmine appartenenti alla specie ancora vive. Ora gli esperti sperano di arrivare a riprodurre altri esemplari attraverso la fecondazione in vitro. Un portavoce della riserva, Elodie Sampere, ha spiegato infatti che campioni di sperma dell’animale sono stati conservati nella speranza di inseminare artificialmente con successo uno dei due rinoceronti femmina rimasti per cercare di salvare la specie dall’estinzione. Sudan era arrivato in Kenia proveniente da uno zoo della ex Cecoslovacchia: apparteneva alla terza specie più grande dell’Africa, dopo l’elefante e l’ippopotamo, i cui esemplari possono pesare fino a 2400 chilogrammi.

I rinoceronti bianchi sono una delle cinque specie esistenti di rinoceronte e sono a loro volta divisi in due sottospecie, i meridionali e i settentrionali. Così come i settentrionali, anche i rinoceronti bianchi meridionali hanno subito un declino nella loro popolazione e ne rimangono solo pochi esemplari in Sudafrica, la loro zona d’origine. Gli sforzi di conservazione messi in atto negli ultimi anni sono riusciti a far risalire il loro numero ma rimane ancora una specie a rischio estinzione.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Bolzano, la provincia lancia una petizione contro i lupi: “Sono troppi e aggressivi. L’Europa ci lasci liberi di abbatterli”

prev
Articolo Successivo

Clima, la denuncia di Greenpeace: “Generali finanzia centrali e impianti a carbone tra i più inquinanti d’Europa”

next