Schiva le domande scomode, rifugiandosi soltanto nelle classiche parole di rito: “Fatemi entrare, sono emozionato, certo”, ha spiegato il neo senatore di Forza Italia Adriano Galliani, ex ad del Milan o oggi per la prima volta in Parlamento per l’incontro dei neo eletti azzurri con il presidente Berlusconi. “Ma non ho nemmeno varcato il portone, non posso fare analisi politiche, le lascio al presidente. Devo ascoltare nei primi tempi”, si è difeso. Tradotto, niente risposte né su accordi possibili con il Pd o sulle strategie da adottare sullo stallo per il governo. Soltanto una risata quando gli viene chiesto se servisse una “campagna elettorale alla Galliani” per trovare i numeri per governare. Sulla leadership del centrodestra, invece, ha spiegato: “Salvini è il leader, lo abbiamo sempre detto. Chi ha preso più voti alle urne, è il leader”.