Conosciuto con il nome di “Melino”, è stato arrestato dai carabinieri il latitante Girolamo Facchineri, esponente di primo piano della cosca di Cittanova. Con precedenti di polizia per associazione mafiosa, estorsione e truffa, Facchineri era ricercato dal luglio 2016 quando è sfuggito a un provvedimento di fermo emesso dalla Procura di Reggio Calabria perché accusato di aver favorito la latitanza di Giuseppe Ferraro e di Giuseppe Crea, figlio quest’ultimo del boss di Teodoro Crea.

I due latitanti arrestati, nel gennaio 2016 a Maropati, sono elementi apicali della ‘ndrangheta della Piana di Gioia Tauro. Nell’operazione “Spazio di libertà”, Facchineri è stato condannato in primo grado per associazione a delinquere di stampo mafioso e favoreggiamento personale aggravato. Stando alle indagini, “Melino” aveva il compito di procurare rifugi sicuri e beni materiali alla cosca assicurando, inoltre, gli spostamenti e i collegamenti tra i due latitanti e i loro familiari.

Ritornando alla sua cattura, indagando sul circuito di amicizie e parentele di Facchineri i carabinieri sono riusciti a scoprire che il latitante si trovava in un casolare abbandonato nella zona aspromontana, tra Cittanova e San Giorgio Morgeto.

Alla vista dei militari, il latitante non ha opposto alcuna resistenza. Aveva con sé una pistola “scacciacani” mentre il rifugio era dotato di visori notturni, binocoli e ricetrasmittenti che avrebbero dovuto consentirgli una fuga, che non gli è riuscita, in caso di un blitz dei carabinieri. Il casolare è stato adattato per garantire a Facchineri una discreta autonomia: c’era anche un boiler per l’acqua calda e dei pannelli solari per ottenere la corrente elettrica.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire, se vuole continuare ad avere un'informazione di qualità. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Mafia, la fibra ottica nelle mani di Cosa nostra: sequestrati beni per 120 milioni a imprenditore di Agrigento

next
Articolo Successivo

‘Ndrangheta, arrestato l’ultimo latitante della cosca Pesce: 26 anni ma già considerato un reggente

next