L’ammiraglia del futuro secondo Volkswagen. Spaziosa, minimalista e del tutto priva di volante e pedali: a guidare penserà il pilota automatico. Lunga 5,16 metri, è costruita su una piattaforma modulare denominata “Meb”. L’abitacolo della Vizzion, progettato per quattro persone, è lussuoso e minimalista, quasi privo di tasti fisici: tutto funziona tramite comandi vocali o gestuali. Uniche concessioni in tal senso sono i due selettori a livello del tunnel centrale che solca l’abitacolo: permettono di interagire coi sistemi di bordo e arrestare la marcia se necessario. A livello propulsivo la vettura sfrutta una batteria da 111 kWh (collocata nel pavimento dell’auto): è collegata a due motori – uno per asse per garantire le quattro ruote motrici – che erogano complessivamente 306 Cv di potenza massima. L’autonomia è stimata in 665 km, ripristinabile “via cavo” o mediante la ricarica induttiva.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Guida autonoma, consentiti i test su strada alle self driving car anche in Italia

next
Articolo Successivo

Il Maggiolino Volkswagen va in pensione, al suo posto si produrrà un’elettrica

next