Lo scorso settembre il giudice aveva detto no. Oggi il Tribunale di Sorveglianza di Milano, invece, ha deciso che Fabrizio Corona può uscire dal carcere per tornare in una comunità terapeutica e liberarsi dalla dipendenza psicologica della cocaina. Il giudice Simone Luerti ha concesso all’ex fotografo dei vip l’affidamento terapeutico in una comunità a Limbiate, nel Milanese.

L’ex re dei paparazzi, che era stato condannato a un anno contro i 5 chiesti dalla Procura,potrà uscire di casa solo di giorno per andare a curarsi. Corona, cheè  in carcere dal 2007 e finirà di scontare la pena nel 2021, ha ottenuto il parere favorevole all’affidamento dalla direzione di San Vittore e dal Servizio per le tossico-dipendenze.

Corona aveva già ottenuto un altro affidamento nel 2015 e gli fu permesso anche di lavorare, ma la decisione fu revocata. Poi ci fu l’arresto  per i 2,7 milioni in contanti trovati in un controsoffitto e in banca in Austria per cui era stato assolto dall’intestazione fittizia di beni. Il giudice nelle motivazioni aveva scritto che l’imputato non poteva essere considerato né “un riciclatore né un deliquente professionale”. L’ex re dei paparazzi potrà dormire nella sua abitazione di via De Cristoforis che è stata sequestrata nei mesi scorsi dalla sezione misure di prevenzione del tribunale di Milano ma, da quanto si è saputo, ora l’amministrazione giudiziaria ha deciso di affittarla e l’avrebbe affittata la fidanzata dell’ex agente fotografico, Silvia Provvedi, del duo musicale Le Donatella.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Mondo di mezzo, la procura: “Confiscare beni per 150 milioni a Carminati e Buzzi”

prev
Articolo Successivo

Napoli, l’imprenditore Alfredo Romeo rinviato a giudizio per corruzione

next