Fabrizio Corona è disperato e ha detto che inizierà lo sciopero della fame“. L’annuncio lo ha dato il suo legale Ivano Chiesa durante una conferenza stampa a Milano. L’ex fotografo dei vip ha preso questa decisione dopo che il giudice della Sorveglianza di Milano, Beatrice Crosti, ha respinto la richiesta di affidamento in una comunità di Brescia perché considerata prematura. Corona era già stato in affidamento in prova ma era stato revocato per i 2,6 milioni di euro trovati in parte in un controsoffitto e in parte in Austria. Una vicenda per cui è arrivata l’assoluzione. Ed è questo che contestano i legali ai giudici di Milano. “Qua stiamo a discutere se dobbiamo dare l’affidamento a Corona dopo una sentenza di assoluzione – ha aggiunto Chiesa – ma io non mi arrendo, alzo il livello dello scontro e chiederemo all’affidamento non in comunità ma sul territorio. Si capisce che dietro questi provvedimento c’è molto moralismo”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Clemente Mastella assolto 9 anni dopo l’inchiesta che portò a caduta di Prodi

next
Articolo Successivo

Giudici amministrativi, tra benefit e scarsa trasparenza: sono l’Italia che nessuno vuole più

next