SERATA FINALE. Una settimana in crescendo, macinando record su record, e il gran finale che tutti si aspettavano. Da Ultimo (forse il pezzo più bello di tutto il Festival) al trionfo annunciato di Meta-Moro, tutto va come deve andare. Persino i contrattempi (Baglioni che sbaglia il titolo del primo brano, l’orchestra che s’inceppa un paio di volte, i risultati che mancano alla fine) non guastano il copione. Ospiti ridotti al minimo, nessun comico (se non la telefonata di Fiorello), tutta la luce dei riflettori puntata sui cantanti. La gara (appassionante fino all’ultimo) ne guadagna e il pubblico gradisce. Il “dittatore artistico”, del resto, l’aveva detto: “Riporterò al centro la musica”. È stato di parola. VOTO: 7,5

PIERFRANCESCO FAVINO. Entra nella storia di Sanremo con un monologo spacca-schermo. Nell’Italia dei fatti di Macerata e della politica balbettante (quando va bene), ha il coraggio di portare sul palco più conservatore che ci sia un testo contro il razzismo che lui conosce a memoria (lo aveva già recitato a teatro). Ma un conto sono gli 800 posti a sedere dell’Ambra Jovinelli, un altro i 10 e passa milioni di telespettatori della finale di Sanremo. Sex symbol e marito ideale, in una settimana è passato da Despacito a Koltés, cantando, recitando e presentando. È lui il vero vincitore di questo Festival. VOTO: 10

Sanremo 2018, le pagelle dell’ultima serata. Baglioni è stato di parola e Favino entra nella storia con un monologo che spacca lo schermo

AVANTI
close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Sanremo 2018, i vincitori: primo posto per Ermal Meta e Fabrizio Moro, poi Lo Stato Sociale, terza Annalisa. La classifica completa. Ma il Festival è di Favino

prev
Articolo Successivo

Sanremo 2018, Laura Pausini esce da Ariston e canta sul red carpet. Bagno di folla per lei

next