Brusio in sala stampa. Tommaso Paradiso salirà sul palco con Gianni Morandi. Per una larga fetta di pubblico, c’è poco da spiegare: il (giovane, ma non giovanissimo) cantautore e paroliere più quotato del momento va a dare un colpo di brillantina al Re di Monghidoro. Per un’altra fetta di pubblico, però, quella che guarda il Festivàl ma raramente accende la radio e non ha molta dimestichezza con Youtube, “Paradiso” resta qualcosa di dantesco, oppure una torta.

Chi è questo ragazzone belloccio che stasera duetterà con Morandi? Trentaquattro anni, romano, Tommaso è il leader della band Thegiornalisti. Attivi dal 2009, il terzetto romano conquista i palazzetti italiani con l’ultimo disco, Completamente Sold Out. Tommy piace e piacciono le canzoni della sua band, inzuppate di romanticismo anni ’80 e ambizioni da inno. Ma la storia di Paradiso va avanti anche su altro binario, quello da autore. Luca lo stesso, il maxi tormentone L’esercito del selfie, Partiti Adesso, sono alcuni dei brani scritti dal “nostro” con un bel successo in radio. E in questa lista c’è da aggiungere anche Una vita che ti sogno, che Tommaso ha scritto per Morandi e che con Morandi canterà stasera sul palco dell’Ariston. Ah, il tallone d’Achille di Paradiso (perché se la sua escalation di questi anni sa di fiaba, allora una debolezza deve esserci per forza)? La voce. Vediamo se stasera avrà una “bella canna” oppure no. In tal caso, non gli resterà che cercare di buttarla sul carisma. Quello ce l’ha.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sanremo 2018, ecco gli abiti che indosserà Michelle Hunziker

next