Il suo film, pur essendo finanziato in gran parte da capitali italiani, ha fatto il giro del mondo prima di approdare da noi. Il motivo, risponde Luca Guadagnino, regista di “Chiamami col tuo nome”, candidato a quattro premi Oscar, non è per la scarsa fiducia del pubblico italiano, bensì “è stata una scelta strategica. Il lavoro fatto dal distributore in America avrebbe aiutato al film nel resto del mondo, Italia compresa”. Il cineasta siciliano, insieme ai due protagonisti Timothée Chalamet e Armie Hammer, ieri sera era a Crema (Cremona) per una proiezione speciale in cinque sale contemporaneamente. Il film è stato girato a Crema ad in alcuni paesi limitrofi (Pandino e Moscazzano). Dopo quattro film che non hanno trovato il consenso della critica, con quest’opera Guadagnino ritrova l’entusiasmo dei critici, oltre alle candidature all’Oscar. Un abbaglio della critica o l’opportunità del momento? “Ci sono film – spiega il regista a ilfattoquotidiano.it – che hanno la capacità di battere il tempo e quadrare i conti con il sentimento del momento. Bene così”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Giornata della Memoria, da Un Sacchetto di Biglie a Pagine Nascoste: i film per non dimenticare

prev
Articolo Successivo

Sono Tornato, il “ritorno” di Benito Mussolini al tempo di migranti e tv del dolore è una commedia corrosiva da non perdere

next