Il suo film, pur essendo finanziato in gran parte da capitali italiani, ha fatto il giro del mondo prima di approdare da noi. Il motivo, risponde Luca Guadagnino, regista di “Chiamami col tuo nome”, candidato a quattro premi Oscar, non è per la scarsa fiducia del pubblico italiano, bensì “è stata una scelta strategica. Il lavoro fatto dal distributore in America avrebbe aiutato al film nel resto del mondo, Italia compresa”. Il cineasta siciliano, insieme ai due protagonisti Timothée Chalamet e Armie Hammer, ieri sera era a Crema (Cremona) per una proiezione speciale in cinque sale contemporaneamente. Il film è stato girato a Crema ad in alcuni paesi limitrofi (Pandino e Moscazzano). Dopo quattro film che non hanno trovato il consenso della critica, con quest’opera Guadagnino ritrova l’entusiasmo dei critici, oltre alle candidature all’Oscar. Un abbaglio della critica o l’opportunità del momento? “Ci sono film – spiega il regista a ilfattoquotidiano.it – che hanno la capacità di battere il tempo e quadrare i conti con il sentimento del momento. Bene così”.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Giornata della Memoria, da Un Sacchetto di Biglie a Pagine Nascoste: i film per non dimenticare

next
Articolo Successivo

Sono Tornato, il “ritorno” di Benito Mussolini al tempo di migranti e tv del dolore è una commedia corrosiva da non perdere

next