A quasi 27 anni dalla notte del 10 aprile 1991 in cui 140 persone morirono a bordo del traghetto Moby Prince entrato in collisone con la petroliera della Snam Agip Abruzzo a due e miglia e mezzo da Livorno, sono state presentate in Senato le conclusioni della commissione d’inchiesta che per due anni ha lavorato per far luce sulle cause del disastro. “Ho aspettato tanto” dice emozionato Loris Rispoli prima di entrare nell’aula in cui il presidente Lai e gli altri senatori della commissione incontreranno i familiari delle vittime prima della presentazione con la stampa. Loris, presidente dell’associazione “140”, a bordo del Moby Prince ha perso una sorella, Liana. Per lei e per le altre vittime in tutti questi anni ha lottato per avere delle risposte che oggi, sono arrivate. La nebbia non c’era, la petroliera era in zona di divieto di ancoraggio, i soccorsi della Capitaneria furono inadeguati, a bordo del traghetto le persone non morirono tutte in mezz’ora. Questi alcuni dei punti chiave presentati dalla commissione d’inchiesta. “E’ stata un’emozione sentire le parole del presidente Lai, sono parole che aspettavo di sentire da 26 anni – dice Angelo Chessa, figlio del comandante del Moby Prince e presidente dell’associazione dei familiari delle vittime “10 Aprile” – finalmente la verità storica è stata completamente ribaltata e ora aspettiamo un ribaltamento anche della verità processuale”. Il lavoro della Commissione che comprende documenti inediti mai cercati o mai trovati sarà trasmesso alla Procura di Livorno.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Pioltello, il questore di Milano sul luogo dell’incidente: “Individuato cedimento tra vagoni”

prev
Articolo Successivo

Moby Prince, familiari delle vittime verso Roma: “Finalmente vediamo riconosciute le nostre ragioni”

next