“Dovrà occuparsi di altro se vuole restare a Libero e candidarsi per i 5stelle. Che scriva di calcio o di televisione ma non di politica“. Lo ha detto Vittorio Feltri direttore di Libero commentando negli studi della trasmissione Siamo italiani (condotta da Roberto Poletti) la notizia della candidatura di Gianluigi Paragone, suo giornalista, per il Movimento cinque stelle. “Io quando lo assunsi – dice Feltri – era direttore alla Padania, che era un giornale vicino al centro destra. Ora – conclude il direttore di Libero – se Paragone ha cambiato parrocchia noi non lo abbiamo fatto”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Dorina Bianchi, per la radiologa prestata al turismo la candidatura si fa difficile

next
Articolo Successivo

Renzi a Giannini: ‘Dritte a De Benedetti? Chieda al suo editore’. Berlusconi: “Preso con mani nella marmellata”

next