L’accordo tra Bruno Tabacci ed Emma Bonino? Tabacci è un artista perché non rappresentando nulla riesce a stare sempre a galla. È un esempio di galleggiamento senza contenuti“. Sono le parole pronunciate ai microfoni di Ecg Regione (Radio Cusano Campus) dal senatore di Forza Italia, Maurizio Gasparri, che aggiunge: “Tabacci, pur di stare a galla, ha fatto di tutto in questi anni. Ha partecipato ai tentativi unitari del centrodestra, si è buttato a sinistra, si è fatto eleggere con liste centriste, è stato puntello della sinistra nelle ultime occasioni elettorali, sia a Milano, sia in Lombardia”. Gasparri si pronuncia anche sull’annuncio del leader del Pd, Matteo Renzi, circa l’abolizione del canone Rai: “Io non credo a nessuna delle cose che dice, è uno dei più grandi bugiardi mai comparsi sulla Terra. Commentare le sue bugie è tempo perso”. Battuta finale sulle Parlamentarie 5 Stelle e sulla candidatura del giornalista Gianluigi Paragone: “Alcuni contestavano il regime e poi furono assunti in Rai direttamente con contratti da dirigente. Continuano a contestare il regime, ma cercano una poltrona. Non c’è dubbio. Oggi lì c’è un po’ di disponibilità e di spazio e alcuni se ne avvalgono. Mi pare una cosa molto antica e tutta italiana”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sicilia, Musumeci accusa: “La Regione ha 8 miliardi di debiti. Terreno minato che peserà sull’attività del governo”

next
Articolo Successivo

Centrosinistra, i centristi della Lorenzin: “Martedì il simbolo”. Ma la Margherita non molla: “Non quello di Rutelli”

next