Qualche giorno fa, ascoltando Rfi Savoirs, sono venuto a conoscenza di un progetto molto interessante: la fondazione francese Famae (fondo di dotazione) ha deciso di lanciare un concorso-sfida per premiare soluzioni pragmatiche, efficienti, sostenibili, universali e all’insegna del risparmio per ridurre o riciclare i rifiuti. Lo fa mettendo la mano al portafogli e offrendo 1 milione di euro. Un’iniziativa seria, a cui partecipano persone e organizzazioni autorevoli come Zero Waste, con uno scopo nobile e che potrebbe far fiorire numerose iniziative virtuose per l’ambiente.

La sfida è stata lanciata lo scorso 15 novembre, in concomitanza con la giornata mondiale del riciclo ed è aperta a cittadini, associazioni, Ong, studenti, università e aziende. I candidati hanno tempo fino al 15 febbraio 2018 per inviare le loro proposte e provare a ricevere un premio che va da 20mila ad un milione di euro per ogni categoria, destinati alla realizzazione della loro idea/progetto.

Se invece non siete voi gli autori ma avete sentito parlare di un progetto o una soluzione innovativa per la riduzione o il riciclo dei rifiuti potete comunque segnalarla al fondo di dotazione Famae in qualità di “helper” e se quel progetto sarà selezionato, e sarete stati i primi a segnalarlo, riceverete cinquemila euro. Io ho segnalato Riselda la “macchina che traccia i rifiuti” concepita da Fernando Gomes Da Silva, detenuto del carcere di Bollate,  che ha permesso di aumentare fino al 91% la differenziata del carcere, di cui lessi proprio sul Fatto Quotidiano.

Appuntamento a fine Maggio per conoscere le idee più brillanti verso l’obiettivo rifiuti zero e i nomi dei loro autori!

Per partecipare: https://challenge.famae.earth

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sacchetti bio anche in farmacia, e gli utenti ne fanno a meno: “Mi faccio dare le cose in mano”

next
Articolo Successivo

Dalle fonti rinnovabili al Tap, il mare (e il clima) in cui nuota Calenda

next