Se fosse una scritta sarebbe in stampatello glitter e le lettere colorate con l’evidenziatore. Se fosse un’immagine, quella dei ritagli di giornale con la faccia di Ligabue, Vasco Rossi o le Spice Girls. Ma anche le Dr.Marten’s, il Tamagotchi, il Karaove, Mtv e la guerra del Golfo. Poi gli adesivi, i disegni e le dediche. Tantissime. Come i segreti, quelli scritti di straforo tra un’ora buca e una lezione di matematica. Nascosti nel mezzo da qualche parte i compiti del giorno dopo e le verifiche, che fanno da contorno all’annuncio che le vacanze, come ogni anno, arriveranno puntuali. Non c’è bisogno di spiegare cos’è e cos’è stata la Smemoranda per intere generazioni di studenti, intramontabile punto fisso in un mondo che cambia. Sembra impossibile, ma anche lei compie gli anni: ne ha 40 nel 2017 e per festeggiare l’appuntamento è allo Zelig Cabaret di Viale Monza 140 (mercoledì 13 dicembre, ore 21, accesso libero e gratuito). Per l’occasione, riapriranno i diari alcuni degli storici collaboratori Smemo: Paolo Rossi, Gabriele Salvatores, La Gialappa’s, e i direttori Nico Colonna, Gino&Michele. Moderatori: Luca Mastrantonio ed Errico Buonanno, autori di Notti magiche edito da UTET. Guest star: il mitico Eritreo Cazzulati. (Qui l’evento Facebook).

La Smemo, “il primo diario a quadretti in un mondo a righe” per rievocare il sapore di un tempo ha deciso di chiamare all’appello “i mitici smemorandiani degli anni ’90”, per vedere come sono cresciuti e cosa ne pensano oggi degli anni d’oro della loro giovinezza”. Per questo da alcune settimane è stata lanciata la raccolta di foto delle Smemo originali di quegli anni e tra email e social network sono decine i fan storici che hanno deciso di aderire all’iniziativa. Saranno proprio loro i protagonisti dell’evento amarcord con tanto di reading delle frasi da Smemo che ci hanno segnato: da “Luca sei Bono” a “Come la barca lascia la scia, io lascio qui la firma mia” passando per “Marco sei più Bono di Luca”. L’appello è a tutti i ragazzi anni ’90, con un dress code d’eccezione: partecipare con una copia della vecchia Smemo.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

‘Il colore della memoria’ di Geoff Dyer, parlare di nulla e di jazz a sud di Londra

next
Articolo Successivo

Dentro Caravaggio, fino al 28 gennaio la ricca mostra milanese che ha richiesto quattro anni di lavoro

next