Dopo gli Spirit Award il film di Luca Guadagnino Call me by your name (Chiamami con il tuo nome) prosegue la sua corsa negli Usa e magari fino al palco dei prossimi Oscar. La pellicola è entrata in nomination per i Golden Globes 2018 in ben tre categorie: miglior film drammatico, migliore interprete protagonista, Timothée Chalamet, e migliore attore non protagonista Armie Hammer. Il film dovrà vedersela con pellicole molto quotate: Dunkirk di NolanThe Post di Spielberg, The Shape of Water di Del Toro vincitore del Festival di VeneziaThree Billboards Outside Ebbing, Missouri dei Coen, anche quest’ultimo applaudito sul Lido.

Sorride anche Paolo Virzì: il suo Ella & John – The Leasure seeker, molto apprezzato all’ultima Mostra del Cinema di Venezia, è candidato con Helen Mirren, migliore attrice protagonista. In nomination arriva anche Jude Law i migliori attori protagonisti di una miniserie tv, per il suo ruolo in The Young Pope di Paolo Sorrentino. I premi saranno consegnati il 7 gennaio e sono un termometro affidabile su quello che potrà accadere sul palco del Dolby Theater di Los Angeles.

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Film in uscita al cinema, cosa vedere e non nel lungo weekend dell’8 dicembre

prev
Articolo Successivo

‘Due sotto il burqa’, la cultura a volte vince sul fanatismo religioso

next