“È una ferita che non può rimarginarsi accettare che si possa morire sul lavoro e per il lavoro“. Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella ricorda così la strage della Thyssenkrupp a Torino, a dieci anni dalla notte del 5 dicembre 2007, quando sette operai – Antonio Schiavone, Roberto Scola, Angelo Laurino, Bruno Santino, Rocco Marzo, Rosario Rodinò e Giuseppe Demasi – morirono nell’incendio all’interno dell’acciaieria. Una strage per la quale l’ex ad Harald Espenhahn e l’ex consigliere Gerald Priegnitz, condannati in via definitiva il 13 maggio 2016 per omicidio colposo plurimo, sono ancora liberi. “Ogni morte sul lavoro è una perdita irreparabile per l’intera società”, ha detto Mattarella, che nel suo messaggio ricorda uno a uno i nomi dei lavoratori morti nell’incendio.

“Il lavoro – ha aggiunto – costituisce il cardine del patto di cittadinanza su cui si fonda la nostra Repubblica ed è un diritto del lavoratore e un dovere della società che vengano rispettate ed applicate le norme sulla sicurezza“. Mattarella ha poi sottolineato che “in questi dieci anni nella prevenzione degli incidenti e nel supporto agli infortunati sul lavoro sono stati fatti passi avanti, ma resta ancora molto da fare per far sì che la sicurezza venga considerata essa stessa un volano che contribuisce allo sviluppo”. E “ai familiari delle vittime e a coloro che in ogni altra tragedia sul lavoro hanno perso un collega, un amico, un familiare”, ha concluso, “rivolgo un solidale e affettuoso saluto“.

Ricorda su facebook i dieci anni dall’incidente anche il presidente della Regione Piemonte ed ex sindaco di Torino Sergio Chiamparino. “Di fronte alle morti sul lavoro – scrive – non si può che provare amarezza e frustrazione, con la netta consapevolezza che nessuna pena sarà mai abbastanza, e che nessun risarcimento sarà mai adeguato a riempire quel lutto così crudele e a colmare il dolore per come quel lutto si sia generato. E tanto più indigna il fatto che, complice l’indifferenza della giustizia tedesca, i principali responsabili di quella tragedia siano ancora liberi come se nulla fosse successo”.

Poi sottolinea come “la tragedia della Thyssen “abbia “lasciato una traccia indelebile nella nostra comunità: è stato un lutto sentito da tutti, condiviso, vissuto, ognuno di noi ha portato dentro di sé una parte, seppur piccola, del dolore delle sette famiglie rimaste senza padre, figlio, marito, e di tutte quelle risparmiate dal lutto ma segnate, per sempre. Ed è rimasto un luogo, nella città, un vuoto urbano che nella sua desolazione ci ricorda la paura e la tragedia di quel momento. Credo sia giusto, a dieci anni di distanza ragionare su come nella trasformazione di quella grande area si possa lasciare un segno permanente di quello che è successo quella notte, del dramma di quelle famiglie, del dramma di un’intera città”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Firenze, muore a dieci anni in sala operatoria al Meyer: aperta un’inchiesta

prev
Articolo Successivo

Siena, casa all’asta per insolvenza del mutuo: una disabile si taglia le vene in tribunale

next