Sono entrati in azione di notte sostituendo la scritta “Bella Ciao” con il motto fascista “Duce a noi”. In un luogo simbolico di Milano, il cavalcavia Buccari, all’Ortica, da dove era partito un progetto che vuole fare del quartiere un museo a cielo aperto della memoria. Lì negli scorsi mesi erano stati realizzati venti murales da studenti, cittadini e artisti della zona tra cui quello cancellato, uno dei più significativi.

La denuncia è arrivata dalla presidente Municipio 3, Caterina Antola, ed è stata rilanciata dal segretario milanese Pd, Pietro Bussolati. “Un oltraggio vile e inaccettabile compiuto da vigliacchi fascisti nascosti nel buio da dove provengono”, dice Bussolati. Mentre Antola parla di “uno sfregio alla convivenza civile e al progetto che sta nascendo”.

“Dobbiamo prendere atto della deriva xenofoba e fascista a cui stiamo assistendo – denuncia Bussolati – Ormai non si tratta più solo di minacce sporadiche. Noi non ci voltiamo dall’altra parte, ma continueremo opporci con forza a questi signori che vorrebbero riportare in auge chi la storia ha sconfitto”. Antola sottolinea che l'”atto gravissimo”, definito una “provocazione inaccettabile” arriva pochi giorni dopo l’irruzione dei naziskin a Como nella sede dell’associazione Como senza frontiere.

“Ortica, quartiere caro alla Resistenza, è più forte di loro. Per questo – insiste Bussolati – è ancora più importante partecipare alla manifestazione di Como, sabato 9”, dove è prevista la risposta proprio al blitz del Veneto Fronte Skinhead. “Per dire a questi fascisti – conclude il segretario del Pd – che non riscriveranno la storia”.

Sempre a Milano, lo scorso aprile, nel giorno della commemorazione di Sergio Ramelli, l’estrema destra fece un blitz al Campo X del cimitero Maggiore per omaggiare i repubblichini. In quell’occasione in centinaia si esibirono nel saluto romano e lo diffusero sui social tramite i canali di CasaPound. Un modo per aggirare il divieto imposto in occasione del 25 aprile. Poi nel corso della manifestazione, i circa 2mila militanti giunti a Milano chiamarono il “presente” alzando il braccio destro al cielo.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

MANI PULITE 25 ANNI DOPO

di Gianni Barbacetto ,Marco Travaglio ,Peter Gomez 12€ Acquista
Articolo Precedente

Verona, Veneto Fronte Skinhead organizza “X-Mas party” in onore della Decima Mas. Pd: “Sindaco si opponga”

next
Articolo Successivo

Toscana, da Siena a Pisa per organizzare eventi pubblici diventa obbligatorio il certificato antifascista

next