Cinque anni per l’ex sindaco di Genova Marta Vincenzi, quattro anni e nove mesi per Francesco Scidone, ex assessore comunale alla protezione civile, 4 anni e 5 mesi a Gianfranco Delponte, dirigente comunale. Sono queste le richieste del procuratore generale Luigi Cavadini Lenuzza nel processo d’appello per l’alluvione di Genova del 2011 in cui morirono sei persone, quattro donne e due bambini. L’ex sindaca è accusata di omicidio colposo plurimo, disastro colposo e falso. Il procuratore generale ha chiesto inoltre la trasmissione degli atti alla procura per i dirigenti scolastici che decisero di far uscire i ragazzi dalle scuole nonostante la situazione di pericolo e che ora potrebbero ritrovarsi a loro volta indagati per disastro colposo.

L’alluvione risale al 4 novembre 2011, quando un’ondata di maltempo si abbatte sul capoluogo ligure fa esondare i torrenti della città. “Mi considero innocente, ci sono tre gradi di giudizio” aveva dichiarato la Vincenzi dopo la sentenza di primo grado che la condannava a cinque anni. Secondo l’accusa, qualcosa nella macchina comunale si inceppò e l’emergenza non venne affrontata nella maniera corretta. Anzi, i verbali sull’esondazione vennero falsificati per modificare gli orari di esondazione, in modo da poter sostenere la tesi difensiva che l’alluvione derivava da una “bomba d’acqua” imprevedibile. Una versione smentita dagli atti d’indagine: “Gli uffici comunali di protezione civile avevano ricevuto notizie allarmanti già alle 11 mentre il rio Fereggiano esondò intorno all’una”. Le strade non vennero chiuse in maniera tempestiva e pure le scuole rimasero aperte.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Mantova, tre ore d’interrogatorio per il sindaco indagato: “Messaggi hot? Dimostrerò che sono onesto”

prev
Articolo Successivo

Maria Grazia Cutuli, condannati a 24 anni i due afghani accusati dell’omicidio dell’inviata del Corriere. “Delitto politico”

next