“Da questo palco voglio rivolgere una domanda a Luigi Di Maio: non lamentarti che le fake news vengono utilizzate contro di te, ma raccontaci perché voi siete i re delle fake news, e perché alcuni dei tuoi siti sono collegati con quelli della Lega Nord“. E’ il duro monito rivolto al deputato M5S, Luigi Di Maio, dalla presidente della Regione Friuli Venezia Giulia, Debora Serracchiani, intervenendo sul palco della Leopolda. E aggiunge: “Chiedo anche a Di Maio perché alcuni dei loro siti ancora oggi usano le stesse parole violente. E’ inutile ricordare la giornata internazionale della violenza contro le donne e poi, nei social, siamo i primi a giustificare in qualche modo quella violenza, che continua a essere l’unico linguaggio politico che alcuni conoscono”. Serracchiani indirizza la sua critica anche a Berlusconi e agli ex compagni di partito: “Non accettiamo lezioni da sinistra, perché le nostre azioni politiche sono profondamente di sinistra, e se non c’eravamo noi nessuno le avrebbe fatte. Cosa avremmo dovuto fare, di sinistra, se non quello che abbiamo fatto, cioè eliminare il superticket, lottare contro la povertà, pensare agli ultimi? Berlusconi? E’ tornato, ma ha fallito. Diciamogli che noi quasi un milione di posti di lavoro li abbiamo fatti. Noi abbiamo fatto le cose, non le abbiamo soltanto raccontate. Seriamente e con uno zaino pesante sulle spalle abbiamo fatto quello che loro in vent’anni non hanno fatto, abbiamo cambiato questo Paese”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Berlusconi si abbassa l’età: “Più di 70 ma sono un giovanotto”. Poi il mantra anti-grillino, e Di Maio diventa uno scroccone

next
Articolo Successivo

Leopolda, Renzi: ‘Basta litigi, no rancore’. Fake news, ‘abbiamo sgamato M5s e Lega. Ogni 15 giorni report su schifezze in rete’

next