“Da questo palco voglio rivolgere una domanda a Luigi Di Maio: non lamentarti che le fake news vengono utilizzate contro di te, ma raccontaci perché voi siete i re delle fake news, e perché alcuni dei tuoi siti sono collegati con quelli della Lega Nord“. E’ il duro monito rivolto al deputato M5S, Luigi Di Maio, dalla presidente della Regione Friuli Venezia Giulia, Debora Serracchiani, intervenendo sul palco della Leopolda. E aggiunge: “Chiedo anche a Di Maio perché alcuni dei loro siti ancora oggi usano le stesse parole violente. E’ inutile ricordare la giornata internazionale della violenza contro le donne e poi, nei social, siamo i primi a giustificare in qualche modo quella violenza, che continua a essere l’unico linguaggio politico che alcuni conoscono”. Serracchiani indirizza la sua critica anche a Berlusconi e agli ex compagni di partito: “Non accettiamo lezioni da sinistra, perché le nostre azioni politiche sono profondamente di sinistra, e se non c’eravamo noi nessuno le avrebbe fatte. Cosa avremmo dovuto fare, di sinistra, se non quello che abbiamo fatto, cioè eliminare il superticket, lottare contro la povertà, pensare agli ultimi? Berlusconi? E’ tornato, ma ha fallito. Diciamogli che noi quasi un milione di posti di lavoro li abbiamo fatti. Noi abbiamo fatto le cose, non le abbiamo soltanto raccontate. Seriamente e con uno zaino pesante sulle spalle abbiamo fatto quello che loro in vent’anni non hanno fatto, abbiamo cambiato questo Paese”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Berlusconi si abbassa l’età: “Più di 70 ma sono un giovanotto”. Poi il mantra anti-grillino, e Di Maio diventa uno scroccone

prev
Articolo Successivo

Leopolda, Renzi: ‘Basta litigi, no rancore’. Fake news, ‘abbiamo sgamato M5s e Lega. Ogni 15 giorni report su schifezze in rete’

next