Applausi meritati per Francesco Forgione e Pietro Sparacino che propongono nella forma del ‘teatro civile’ uno spettacolo originale: Mala’ndrine – Anche i Re Magi sono della ‘ndrangheta. Il lavoro è stato presentato venerdì 10 novembre, in un evento organizzato dall’Osservatorio per la sicurezza e la legalità della Regione Lazio e dal Premio nazionale Paolo Borsellino. Nato da un’ idea di Francesco Forgione, ex presidente della Commissione parlamentare antimafia (sua la prima relazione sulla ‘Ndrangheta), improvvisato ma riuscitissimo attore, sostenuto sul palco da un professionista, il siciliano Pietro Sparacino, lo spettacolo è leggero, ironico, a tratti sarcastico – la vetta è nella scena finale, con le immagini di innocui maiali sullo sfondo e la voce vera dell’intercettazione del boss di Oppido, Simone Pepe, che racconta l’omicidio di Francesco Raccosta (2012) gettato da vivo in una porcilaia aperta ad una scrofa affamata – ma anche rigoroso ed efficace nel suo obiettivo: sintetizzare tutto il sapere che abbiamo sulla mafia calabrese, ormai la più potente. Grazie a storici come Enzo Ciconte e Isaia Sales, a magistrati come Enzo Macrì e Giuseppe Lombardo, e tanti altri, siamo ormai in grado di conoscere molto di questa organizzazione che ha messo radici ovunque nel mondo, una piovra nelle nostre istituzioni, ha reso il Nord territorio mafioso, ha asservito i cugini di Cosa nostra e si è fatta Stato

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Appalti Consip, dal governo 300 milioni a chi sporcava le gare per pulire le scuole. Coop confermano: ‘Forniture proseguono’

prev
Articolo Successivo

M5s e Pd insieme per la legge sui whistleblower. Transparency: “Voto è palese, se salta evidenzieremo le responsabilità”

next