Beni per 50 milioni di euro sono stati sequestrati, in via preventiva, nel corso dell’operazione della Polizia nei confronti del clan Mallardo e dei cosiddetti scissionisti. Il provvedimento, su richiesta della Dda di Napoli, riguarda unità immobiliari, società operanti in vari settori, veicoli e rapporti bancari.

Il gip ha emesso anche 19 misure cautelari: una anche nei confronti del capoclan Francesco Mallardo e suo cognato, Liccardo Antimo, dipendente del comune di Giugliano in Campania. L’operazione ha riguardato anche Firenze ed altre province in Toscana. I reati contestati, a vario titolo, sono l’associazione di tipo mafioso, della violazione della normativa sulle armi, di riciclaggio e di intestazione fittizia di beni.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Camorra, il tifo tradisce il latitante: localizzato e arrestato a causa del biglietto di Napoli-Inter

next
Articolo Successivo

Camorra, le donne del clan dal backstage al comando: quattro arresti. Sono la moglie e cognate del boss Zagaria

next