Beni per 50 milioni di euro sono stati sequestrati, in via preventiva, nel corso dell’operazione della Polizia nei confronti del clan Mallardo e dei cosiddetti scissionisti. Il provvedimento, su richiesta della Dda di Napoli, riguarda unità immobiliari, società operanti in vari settori, veicoli e rapporti bancari.

Il gip ha emesso anche 19 misure cautelari: una anche nei confronti del capoclan Francesco Mallardo e suo cognato, Liccardo Antimo, dipendente del comune di Giugliano in Campania. L’operazione ha riguardato anche Firenze ed altre province in Toscana. I reati contestati, a vario titolo, sono l’associazione di tipo mafioso, della violazione della normativa sulle armi, di riciclaggio e di intestazione fittizia di beni.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Camorra, il tifo tradisce il latitante: localizzato e arrestato a causa del biglietto di Napoli-Inter

prev
Articolo Successivo

Armando Izzo, la camorra e il suo agente: “Non vedere certa gente, ne va della tua carriera. Te ne vai a 1000 km da casa”

next