Il bassorilievo col Duce a cavallo, nell’atto del saluto romano, col motto fascista “Credere obbedire combattere” da stasera è coperto dalla scritta luminosa “Nessuno ha il diritto di obbedire“. È così che il monumento, in piazza Tribunale a Bolzano, è stato “depotenziato” sovrapponendo al bassorilievo del sudtirolese Hans Piffrader in onore del regime fascista una scritta al neon con una frase attribuita a Hannah Arendt, che dice appunto: “Nessuno ha il diritto di obbedire“. L’accensione, alle 17 sotto una pioggia battente, ha visto la piazza raccolta in un minuto di silenzio, poi l’ orchestra Haydn suonare l’Adagio per archi di Samuel Barber, che fu eseguito per la prima volta da Arturo Toscanini. Una cerimonia solenne, ma senza discorsi ufficiali, come preannunciato, presenti comunque le autorità locali, a partire dal presidente della Provincia autonoma, Arno Kompatscher e dal sindaco, Renzo Caramaschi.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Torino, piazza San Carlo – 20 indagati: pm contesta anche disastro colposo. Sotto inchiesta sindaca e questore

next
Articolo Successivo

Vaticano, il cardinale Müller non osa sfidare Francesco. E incassa le critiche

next