Intervistato da Roberto Poletti a Intelligo Tv, il candidato del Pd alle prossime elezioni regionali lombarde Giorgio Gori (attuale sindaco di Bergamo), ricorda le diffidenze della sinistra nei suoi confronti, visto i suoi esordi professionali con Silvio Berlusconi“La sinistra mi ha sempre visto con diffidenza – ha detto Gori – perché ho lavorato con Berlusconi nella tv commerciale e perché ho fatto due soldi. Oggi invece sto con Matteo Renzi che considero un grande leader politico. Mi candido alle regionali – conclude l’attuale sindaco di Bergamo – e se la gente mi sceglierà farò il presidente di questa regione con piacere e per me sarà il compimento di questa esperienza politica”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Bankitalia, quando Renzi diceva: ‘Rispetto Palazzo Koch, lavoriamo molto bene insieme. Scaricabarile? E’ vecchia politica’

prev
Articolo Successivo

Cannabis, si dalla Camera all’uso terapeutico

next