“Con il Rosatellum 2.0 sarà un Parlamento per due terzi composto da nominati? Non è vero, lei non conosce la legge”. Così si è difeso il sottosegretario Gennaro Migliore a margine della Direzione nazionale del Partito Democratico, in merito alla nuova versione della legge elettorale in discussione alla Camera, frutto dell’accordo tra dem, Forza Italia, centristi e Lega. Peccato che a smentire Migliore sia pure il suo collega di partito Gianni Cuperlo: “Questo è un mix, perché avremo 232 collegi della Camera uninominali, ma due terzi degli altri seggi saranno assegnati con liste corte, proporzionali e bloccate“. Quindi, un Parlamento per due terzi di nominati. “Sì, è vero”, continua Cuperlo. Il motivo? “Lei la risposta la conosce…”, ha tagliato corto

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Rosatellum, sulla costituzionalità garantisce il Pd. Parola di Rosato e Migliore: “Tranquilli, è sicuramente costituzionale”

next
Articolo Successivo

Legge elettorale, Renzi dà l’ok: “Il Rosatellum consente una coalizione più ampia. Avversari non sono dentro Mdp”

next