L’ennesima minaccia contro chi vuole fare rispettare la legge. Solo che a Licata fare rispettare la legge vuol dire abbattere le case considerate abusive da una sentenza della magistratura. Dopo la decadenza del sindaco, Angelo Cambiano, sfiduciato dal consiglio comunale proprio per la sua lotta all’abusivismo, nella città siciliana è arrivato un commissario straordinario, finito a sua volta nel mirino.

“Rischiati a toccare le nostre case e sei morta, ti sgozziamo via, fai una sola cosa contro di noi e ti scanniamo. Ti seguiamo e ti controlliamo a vista”, è  l’inizio del messaggio intimidatorio, che si chiude con la foto di una cassa da morto vuota, arrivato a Maria Grazia Brandara commissario straordinario della città in provincia di Agrigento.

La donna aveva guidato il Licata, sempre da commissario, dal dicembre 2014 al giugno 2015.  Era stata la stessa funzionaria a stanziare i fondi per le demolizioni delle case abusive, che a Licata pare siano più 17 mila. Il sindaco Cambiano voleva attuare i decreti di demolizione ma ha sollevato l’ira di migliaia di suoi concittadini e ha subito minacce, persino un incendio a casa del padre.

Brandara , ex democristiana eletta all’Ars con la Casa delle Libertà ai tempi di Totò Cuffaro e ora vicina al governatore Rosario Crocetta, impiegata dell’agenzia delle entrate a Catania, è stata anche consigliere provinciale e sindaca di Naro, in provincia di Agrigento. ”Sappiamo dove abiti a Palermo in via… e dove abiti a Naro, grandissima…tornatene al tuo paese scappa fino a che sei in tempo quando meno te l’aspetti ti spariamo. La cassa è già pronta”.  Nel luglio 2016, nella sua carica di commissario straordinario dell’Irsap, aveva ricevuto un altro messaggio intimidatorio con allegate due cartucce di fucile.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Roma, migrante eritreo aggredito al Tiburtino III. Insulti e fratture al volto

prev
Articolo Successivo

Roma, Gabrielli: “La città non è insicura. Serve aumentare la percezione”

next