È stata chiesta l’archiviazione del procedimento sulla morte del killer di Berlino Anis Amri, ucciso da due agenti di polizia in una sparatoria a Sesto San Giovanni la notte tra il 22 e 23 dicembre scorso. Secondo la Procura di Monza infatti i due poliziotti si trovavano in una “evidente” condizione di legittima difesa, avendo aperto il fuoco solo dopo che il tunisino aveva estratto la pistola e ferito uno dei due. I pm diretti da Luisa Zanetti non avevano iscritto nel registro degli indagati i due poliziotti e il fascicolo era rimasto a Modello 45, ovvero relativo ad atti non costituenti notizia di reato.

Il 24enne tunisino era ricercato in tutta Europa per l‘attentato contro i mercatini di Natale a Berlino, dove con un tir è piombato ad alta velocità tra la folla provocando la morte di 12 persone e ferendone 48. In fuga subito dopo lo schianto, Amri era riuscito a raggiungere l’Italia fermandosi prima per nella stazione Centrale di Milano e poi in quella di Sesto San Giovanni dove venne fermato per un controllo di routine intorno alle 3 di notte dai poliziotti. Gli agenti gli chiesero i documenti e di tirar fuori gli oggetti che aveva nello zainetto. Ma Amri, che aveva dichiarato di essere di Reggio Calabria, impugnò la calibro 22 e colpì un agente, Christian Movio, 36 anni. Quindi l’altro agente, Luca Scatà, 29 anni, rispose ai colpi uccidendo Amri.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Migranti Roma, non è la prima volta per il funzionario degli sgomberi: fece caricare gli operai Thyssen

next
Articolo Successivo

Brigate Rosse, dopo 37 anni riaperta indagine per omicidio sul blitz di via Fracchia a Genova

next