“Non si hanno notizie di un’anziana donna che viveva sola e della quale non è stato finora possibile rintracciare i parenti”: lo dice il sindaco di Torre Annunziata (Napoli), Vincenzo Ascione, che fa il punto della situazione in merito ai dispersi del crollo che questa mattina ha interessato una palazzina di quattro piani in via Rampe Nunziate.  Tra i dispersi anche un tecnico del Comune, l’architetto Giacomo Cuccurullo. “Una persona esperta – sottolinea il sindaco – che se avesse avuto l’avvisaglia di un rischio di crollo avrebbe sicuramente allertato noi e i colleghi dell’ente”. Con lui mancano all’appello la moglie Eddy Raiola, il figlio Marco e l’intero nucleo familiare dei Guida, padre, madre e due figli minorenni: “Proseguono le attività – specifica il primo cittadino – i soccorritori hanno scavato per quasi due metri. La speranza è di trovare sempre tutti in vita”. Il sindaco di Arzano Fiorella Esposito, sul luogo della sciagura, parla del ruolo delle amministrazioni, puntualizzando che i “sindaci possono fare poco”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Mario Delpini, è il nuovo arcivescovo di Milano. Il primo messaggio: “Immaginare una società in cui nessuno è straniero”

prev
Articolo Successivo

Inghilterra, Bradley Lowery non ce l’ha fatta. Il piccolo tifoso del Sunderland aveva mobilitato il mondo del calcio

next