Quando risponde al telefono Marco Lillo sta per entrare nelle caserma Pucciani della Guardia di Finanza di Montegiordano, in provincia di Cosenza, dove è in ferie con la famiglia. Il cellulare, in quel momento, è ancora nella sua disponibilità: le indicazioni dei pm di Napoli parlano chiaro e ne hanno predisposto la perquisizione (anche per lo smartphone e il computer della compagna giornalista). “Proverò a evitare la consegna, ma dovrò comunque mostrare tutto quello che c’è dentro”, dice prima di varcare la soglia.

Chi indaga cerca un atto giudiziario ben preciso: si tratta di un’informativa del Noe di Napoli, per l’esattezza quella del 9 gennaio pubblicata in anteprima da Corriere della Sera, Repubblica e Messaggero. Il Fatto Quotidiano, invece, ha riportato il contenuto dell’atto solo in un secondo momento: proprio per questo motivo non si comprende il motivo della perquisizione ai danni di Lillo e non di chi ha pubblicato per primo le notizie riguardanti il Noe nel giorno dell’interrogatorio di Tiziano Renzi (indagato per traffico illecito di influenze). “A lui però non hanno sequestrato nulla, mentre a breve sarò costretto a consegnare il mio telefono così come è accaduto a Federica Sciarelli, dice il giornalista, riferendosi a quanto accaduto la scorsa settimana, quando la conduttrice di Chi l’ha visto? è stata iscritta nel registro degli indagati dalla Procura di Roma per concorso in rivelazione di segreto d’ufficio.

Marco Lillo, invece, non risulta indagato dalla Procura di Napoli, che in seguito a un esposto dei legali di Alfredo Romeo in merito al contenuto del libro Di Padre in figlio scritto dal giornalista ha disposto non solo il sequestro del cellulare del vicedirettore del Fatto Quotidiano, ma anche la perquisizione delle sue due case a Roma e della sua postazione in redazione.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Consip, Marco Lillo perquisito per il contenuto del libro ‘Di padre in figlio’

prev
Articolo Successivo

Consip, i pm di Roma interrogano Vannoni come indagato. Da teste disse a Napoli: “Renzi mi diceva di stare attento”

next