“Abbiamo gettato un’ancora di protezione sociale in un settore delicato. Per il governo questo è un valore da rivendicare: chi si batte per la società aperta non è insensibile alla tutela del lavoro”. Lo ha detto il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni intervenendo alla firma del protocollo d’intesa sui call center. “Dal punto di vista sociale è uno dei segnali più importanti di cui possiamo vantare in Italia. Si tratta di un impegno oneroso per le imprese ma che fa bene al Paese e lancia un messaggio di tutela del lavoro di cui abbiamo bisogno”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Spagna e disoccupazione, altro che previsioni economiche. Meglio l’astrologia

prev
Articolo Successivo

Alberghi Roma, piovono lincenziamenti. Ma nessuno consulta i sindacati

next