“Ciao a tutti, sto bene, spero che si veda. Come sentite la voce c’è. Meno male. L’operazione è perfettamente riuscita, le corde vocali sono perfette. Adesso devo cominciare un po’ di rieducazione”. Luciano Ligabue, a poco più di una settimana dall’intervento per un polipo intracordale alla corda vocale sinistra che lo ha costretto a interrompere il tour nei palasport, tranquillizza i fan con un videomessaggio postato su Facebook. “È stato strano un po’ la settimana scorsa perché mi hanno imposto una settimana di silenzio. Mi sono ritrovato a imitare Bernardo, l’aiutante di Zorro – racconta il rocker con la sua voce roca -. Comunque adesso tutto procede. Voglio approfittare anche per ringraziare tutti quelli che hanno voluto farmi sentire il loro affetto. Siete stati veramente tanti. È una cosa che mi ha emozionato e che mi fa pensare quindi che ancora di più a settembre quando ripartiamo, ci daremo dentro ancora di più, per l’appunto, con la nostra Rumba”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

La Malastrada, racconti di vita urbana: un disco per tornare a casa

next
Articolo Successivo

Edda, se non fossi diventato un cantante? ‘Avrei optato per la santità’

next