Accolto su tutta la linea il ricorso presentato da Marika Cassimatis contro Beppe Grillo, che aveva revocato il risultato delle Comunarie di Genova dove la Cassimatis era stata designata candidata sindaca del Movimento. “Grillo non ha potere di intervento sulle candidature locali”, ha stabilito il giudice (leggi l’articolo). Risultano quindi annullate le due delibere con cui la Cassimatis veniva esclusa dal partito e con cui Luca Pirondini è stato scelto per correre alle elezioni con il simbolo del M5s. “È la vittoria di Davide contro Golia”, dichiara la Cassimatis a ilfattoquotidiano.it. “Andremo avanti, abbiamo il sostegno della base. Adesso la palla passa allo staff, noi abbiamo agito correttamente e nel rispetto della legalità. A confermarlo è anche il tribunale”. Nelle motivazioni della sentenza, il giudice Roberto Braccialini parlato, fra l’altro, di «regole non chiare» e «conduzione dirigista»

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sondaggio, M5s “partito pigliatutti”: piace agli elettori di sinistra come ai leghisti, a operai e imprenditori

next
Articolo Successivo

M5S a Ivrea, ‘Lo confesso: sono grillino. Ma a modo mio’

next