NON È UN PAESE PER GIOVANI di Giovanni Veronesi. Con Filippo Scicchitano Italia 2017. Durata: 100’ Voto 3/5 (DT)

Il primo effetto spiazzante di Non è un paese per giovani è proprio la scelta narrativa che sembra non essere esempio, ma eventuale e generica possibilità. I cosiddetti “cervelli in fuga”, i supergeni che hanno ruoli dirigenziali a Capo Nord o nella Terra del Fuoco, a Boston come a Auckland, appaiono di sfuggita nei titoli di testa, con quelle immaginette rapide da web, filmatini sintetici perché si ha fretta di lavorare. Più piadina romagnola alla Samuele Bersani che responsabilità altisonanti in qualche laboratorio ultramoderno di Londra o New York, Veronesi inclina il piano della fuga così, come se riprendesse in mano lo squinternato terzetto di Che ne sarà di noi? (2004) e gli concedesse un secondo giro di valzer.

Qui la nostra recensione integrale.

INDIETRO

Film in uscita al cinema, cosa vedere (e non) nel fine settimana del 25 e 26 marzo

AVANTI

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Tomas Milian morto, quando al Festival di Roma diceva: “Er monnezza mio personaggio preferito”

next
Articolo Successivo

Doctor Strange, Animali Fantastici e altre magie tra pellicola e download digitale

next