IN VIAGGIO CON JACQUELINE di Mohamed Hamidi. Con Fatsah Bouyahmed, Lambert Wilson, Jamel Debbouze. Francia/Marocco 2016. Durata: ’92. Voto 5/5 (DT)

“Poire per Jacqueline”. Capita raramente di vivere un film, percepirlo dentro all’anima, sentirlo acceso come un fuocherello che riscalda il cuore. Ma da quando abbiamo visto In viaggio con Jacqueline (in uscita il 23 marzo 2017) quella fiammella è tornata ad ardere. Un film di una purezza e una semplicità quasi imbarazzanti, perché la storia è quella di un sogno. Un contadino algerino che con la sua mucca vuole raggiungere a piedi il Salone dell’agricoltura di Parigi, dove i due sono stati miracolosamente invitati. Duemila chilometri, dal villaggio rurale del Nord Africa dove c’è un unico collegamento web, attraversando il Mediterraneo, fino a Marsiglia e poi Parigi.

Qui la nostra recensione integrale.

Film in uscita al cinema, cosa vedere (e non) nel fine settimana del 25 e 26 marzo

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Tomas Milian morto, quando al Festival di Roma diceva: “Er monnezza mio personaggio preferito”

prev
Articolo Successivo

Doctor Strange, Animali Fantastici e altre magie tra pellicola e download digitale

next