Si chiama acidificazione ed è il cambiamento a livello chimico di mari e oceani dovuto a un maggiore assorbimento di anidride carbonica. Il fenomeno si sta rapidamente diffondendo anche nell’Oceano Artico occidentale, con tutte le preoccupanti conseguenze per molluschi e forme di vita marina. Questo è quanto emerge da uno studio internazionale pubblicato su Nature Climate Change e a cui hanno collaborato università e istituti di ricerca cinesi, americani e svedesi.

La ricerca evidenzia come in circa 15 anni – tra la metà degli anni Novanta e il 2010 – le acque acidificate si siano estese per circa 300 miglia nautiche dall’estremità nord-occidentale dell’Alaska fino ad appena sotto il Polo Nord. Non solo: l’acidificazione si è estesa anche più in profondità, da circa 100 a 250 metri. “L’Artico è il primo oceano dove osserviamo un aumento dell’acidificazione delle acque così rapido e su vasta scala, due volte più veloce rispetto all’acidificazione osservata negli oceani Pacifico e Atlantico”, spiegano i ricercatori Wei-Jun Cai e Mary A.S. Lighthipe dell’Università del Delaware. Questa rapida acidificazione dell’Artico occidentale “ha conseguenze sulla vita marina”, aggiunge Richard Feely, scienziato della Noaa (l’Associazione Nazionale Oceanica e Atmosferica) e co-autore della ricerca. “In particolare su vongole, cozze e piccole lumache di mare che potrebbero avere difficoltà nel mantenere i loro gusci“: questi sono infatti costituiti da carbonato di calcio, che si scioglie con un Ph più acido dell’acqua.

Il pericolo è quello di un effetto a catena, perché i molluschi sono un anello chiave della catena alimentare dell’Artico, fondamentali ad esempio per la dieta di salmoni e aringhe. Il loro declino avrebbe un impatto su tutto l’ecosistema marino, avvertono gli scienziati. L’acidificazione è solo una delle tante minacce nei confronti degli oceani, già compromessi da surriscaldamento globale e inquinamento. Proprio la scorsa settimana l’Onu ha lanciato la campagna #CleanSeas contro la plastica che inquina i mari.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Lucca, vita dura per i cacciatori: il Tar respinge quasi tutte le richieste

next
Articolo Successivo

Stadio, si conclude il braccio di ferro: vince la Roma, perde Roma

next