pubblicita-contro-i-dentisti-low-cost“Sta per finire l’era dei viaggi dentali all’estero”. L’annuncio ha il sapore della profezia, che per provare ad avverarsi può percorrere due strade diverse: utilizzo di materiali scadenti, peggiori di quelli impiegati nei Balcani, oppure appello alla fantasia, con sconti riservati anche agli animali domestici. Obiettivo: “Combattere il pendolarismo odontoiatrico”. L’Italia, insomma, comincia ad attrezzarsi per frenare l’emorragia di pazienti oltre Adriatico. La sfida è lanciata a suon di messaggi pubblicitari sul web: “Sconto del 10 per cento se presenti i preventivi rilasciati da altre cliniche, anche estere”. Oppure, tramite confronti comparativi tra i prezzi: “Corona lega ceramica: Italia 750 euro, Croazia 399 euro, noi 195 euro. Impianto: Italia 800 euro, Croazia 490 euro, noi 299 euro. Protesi mobile: Italia 1.750 euro, Croazia 699 euro; noi 590 euro”. Così, ad esempio, si promuove un’azienda “orgogliosamente tutta italiana”, con un network di studi diffusi in quaranta città. L’idea di base, solitamente, è quella di fidelizzare la clientela, attraverso tessere abbonamento. Gli “investimenti” proposti vanno dagli 87 euro per persona singola ai 199 per tutta la famiglia, fino a un massimo di cinque persone, amici compresi. Versando quella somma iniziale, si può accedere allo “sconto fino al 70 per cento”, oppure “fino al 50 per cento su tutte le prestazioni ambulatoriali”, oltre che a una “prima visita gratuita e 30 per cento di sconto per le successive prestazioni anche per il tuo amico a 4 zampe”. In alcuni casi, le agevolazioni possono riguardare servizi completamente differenti, come l’accesso agevolato a spa e saloni di bellezza. Poi, ci sono i regali di compleanno: 20 euro, anziché 75, per “igiene e pulizia dentale, visita di controllo e radiografia panoramica”. Sono opzioni che affiancano le più tradizionali convenzioni firmate con sindacati, associazioni di categoria, ordini professionali. Ma, in qualche modo, l’Albania docet: alcuni studi dentistici piemontesi offrono il pernottamento gratuito in hotel a pazienti di fuori città, se i piani di cure superano i 10mila euro.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

“Il Pd vende armi all’Isis”. E lancia un iPad contro l’esponente Pd Roberto Speranza (illeso)

next
Articolo Successivo

Roma e i fantasmi di Italia ’90, riapre la ferrovia “insicura” chiusa dopo i mondiali. “I palazzi tremano ancora”

next