paziente-tirana-con-bandiere-675Da semplice paziente ad una sorta di procacciatore di clienti: “Dico a tanta gente di andare lì, a volte li accompagno pure io. Non lo faccio perché mi danno una percentuale o altro, ma perché ormai si è instaurato un rapporto di amicizia”. Donato Longo è un pensionato salentino che nel 2014 si è ritrovato con in mano tre preventivi uguali di diversi studi leccesi: 13mila euro per tirare via i suoi denti e fare una nuova protesi. “Spesa esagerata – dice – e per questo pensavo di andare in Romania. Poi, un’amica mi ha indicato Tirana, dove il lavoro che qui le avevano proposto di fare con 40mila euro lì le è costato 13.500 euro. Anch’io ho speso molto meno, 5.400 euro. Dopo, anche tutta la mia famiglia ha deciso di optare per l’Albania. Siamo contenti, per tutto: equipe medica preparata, materiali italiani certificati, tanta gentilezza. Se non si è soddisfatti, provvedono a loro spese a rimediare. Poi, si mettono a disposizione completa: vengono a prenderti all’aeroporto, ti consegnano un cellulare con scheda albanese, ti scarrozzano ovunque durante il tempo libero. E ti garantiscono il soggiorno gratuito per due persone, a due passi da piazza Skanderbeg. Io ormai ci torno quasi ogni mese, con un volo da Bari, anche perché è diventata una specie di vacanza. Sono un centinaio le persone che, dietro mio consiglio, si curano lì. Sono amici che si rivolgono a me o gente che mi contatta tramite il passaparola, da ogni parte della provincia di Lecce”. Le cliniche diventano fucina di nuove amicizie: i pugliesi e i sardi la fanno da padroni sul turismo dentale albanese, ma molti arrivano anche dalla Lombardia. “E poi ci sono gli svizzeri, i belgi, i francesi – continua Longo – e resti stupito, perché non te l’aspetti. Certo, sono tutti soldi che noi potremmo lasciare in Italia, pagando i nostri professionisti. Ma se all’estero ci danno convenienza, qualità e servizi, che dobbiamo fare?”.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

“Il Pd vende armi all’Isis”. E lancia un iPad contro l’esponente Pd Roberto Speranza (illeso)

next
Articolo Successivo

Roma e i fantasmi di Italia ’90, riapre la ferrovia “insicura” chiusa dopo i mondiali. “I palazzi tremano ancora”

next