tirana-center-675Il fatto che tutti gli studi odontoiatrici albanesi (e del resto dell’est) siano specializzati in implantologia non è un caso. La necessità di velocizzare gli iter trova più facile sponda nella scelta di estrarre i denti naturali e procedere con impianti nuovi, piuttosto che in quella di provare a salvare il salvabile con cure prolungate. La continuità è incompatibile con i trattamenti sporadici, impostazione tipica del turismo dentale. Per questo si fa solitamente una grande scrematura, rispedendo in patria i casi che necessitano di lunghe terapie. È una selezione che incide sui tempi e dunque sui costi di gestione, ma fatta anche a garanzia della riuscita delle operazioni e, quindi, della propria immagine. L’assistenza postuma è una rarità. Che ha un corollario: quasi mai i professionisti italiani sono disposti a risolvere complicanze dovute a lavori fatti all’estero. Tradotto: se le viti si allentano, un ponte si rompe, l’impianto si infetta, bisogna riprendere l’aereo. Anche perché, è specificato a chiare lettere, la garanzia accordata viene meno nel caso in cui “il paziente ricorra ad interventi di altri dentisti”.  Non è tutto: come in Italia, anche in Albania bisogna firmare il consenso informato per poter rivendicare azione legale nel caso in cui qualcosa vada storto. Ma per schermarsi dal rischio di risarcimenti, alcune agenzie pretendono la rinuncia all’eventuale contenzioso. Certo, quasi sempre lo si fa lo stesso: chiedere un ristoro per cure negligenti significa intentare una causa sull’altra sponda, rivolgersi a quei tribunali e ad avvocati che masticano la legislazione del posto. Con costi non alla portata di chi va lì per risparmiare.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

“Il Pd vende armi all’Isis”. E lancia un iPad contro l’esponente Pd Roberto Speranza (illeso)

next
Articolo Successivo

Roma e i fantasmi di Italia ’90, riapre la ferrovia “insicura” chiusa dopo i mondiali. “I palazzi tremano ancora”

next