paziente-tirana-675“Primo soggiorno a Tirana: impianto dentale in titanio”. Primo giorno: partenza dall’Italia; arrivo all’aeroporto Madre Teresa; trasferimento in hotel; passeggiata presso il quartiere Blloku e giro panoramico allo Sky Tower. Secondo giorno: prima colazione; trasferimento in clinica; intervento; rientro in albergo; tempo libero per le vie del centro. Terzo giorno: escursione in funivia sul vicino Monte Dajti; pranzo in uno dei ristoranti caratteristici; visita ai monumenti della città. Quarto giorno: rientro in Italia. “Secondo soggiorno a Tirana: perno, impronta, corona in zirconio e ceramica”. Anche stavolta quattro giorni, con, in aggiunta, la visita alla città di Kruje. Prezzo all inclusive: 990 euro, a cui aggiungere la spesa degli interventi, intorno ai 700 euro. È il pacchetto tipo proposto dalle agenzie specializzate in turismo dentale verso l’Albania. Le cliniche, però, provano a svincolarsi dai tour operator per fare da sé, lucidando la propria immagine attraverso siti web all’avanguardia. Il refrain è sempre lo stesso: “Risparmiare oltre il 60 per cento attraversando l’Adriatico”. Si fa leva sulla conoscenza perfetta della lingua italiana, sull’assistenza continua anche prima del viaggio, sul soggiorno in appartamento o in hotel gratuito per due persone. Centrale è la figura dell’addetto all’accoglienza, un po’ tassista e un po’ guida turistica, sempre a disposizione, senza costi aggiuntivi.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

“Il Pd vende armi all’Isis”. E lancia un iPad contro l’esponente Pd Roberto Speranza (illeso)

next
Articolo Successivo

Roma e i fantasmi di Italia ’90, riapre la ferrovia “insicura” chiusa dopo i mondiali. “I palazzi tremano ancora”

next