pazienti-clinica-in-spiaggia-675“Come divertirsi in un rifugio antiatomico: una sorpresa inaspettata per i nostri pazienti, guidati dal nostro personale alla scoperta del Bunk’art. Un’esperienza unica, come una deliziosa cena con i piatti tipici della tradizione”. Si trova anche questo su uno dei portali online delle cliniche di Tirana. I clienti compilano, dietro invito a farlo, l’apposito blog, ritratti in foto di spensierate vacanze: dalle tavolate di pesce fresco agli aperitivi, dai resort con piscina alle montagne, fino al “concerto di una nota artista internazionale, Dua Lipa, di origini albanesi”. “Mi chiamo Franco e sono sardo – racconta un uomo – Sono andato con mia moglie e ci hanno dato un appartamento completamente arredato per tutto il periodo di ferie, sì di ferie, perché oltre le cure abbiamo fatto anche i turisti. Per quanto riguarda il costo del lavoro, vi posso assicurare che ho risparmiato tre volte tanto di quello che mi hanno chiesto a Cagliari, con cinque anni di garanzia”. È ovunque uno straripare di commenti felici. Anche i dentisti di Durazzo sponsorizzano “i locali più cool del posto” e invitano a godersi la tintarella: “7,90 euro tutto incluso per navetta per la spiaggia, ombrellone e sdraio”. E “se invii un paziente, avrai un ulteriore sconto del 10 per cento sul preventivo”. Il resto sembra passare in cavalleria. Basta la garanzia di “materiali, compresa l’anestesia, importati tutti dall’Italia” e “pulizia maniacale con apparecchiature a normativa Ce”. Basta davvero?

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

“Il Pd vende armi all’Isis”. E lancia un iPad contro l’esponente Pd Roberto Speranza (illeso)

next
Articolo Successivo

Roma e i fantasmi di Italia ’90, riapre la ferrovia “insicura” chiusa dopo i mondiali. “I palazzi tremano ancora”

next