concerto-star-albanese-675A Valona, città più “italianizzata” delle altre, ci sono strutture che hanno inventato un sistema differente: trattamento in Albania, ma “appoggio, consulenza e assistenza” successivi in studi pugliesi con cui si collabora, “a disposizione senza costi aggiuntivi”. Fino a tre anni fa, qui, la classica “klinika dentare” somigliava per di più a un salone da barbiere. Poi, il salto di qualità, grazie ai capitali stranieri. Solitamente, non è sui materiali che si risparmia, perché non ce n’è bisogno. Un esempio: gli impianti dentali in titanio vengono proposti a 490 euro contro, in media, i 650-800 euro in Italia. Un prodotto di scarsa qualità costa al dentista circa 35 euro, quello di alta qualità intorno ai 100-150 euro. Il margine di guadagno, in quest’ultimo caso all’apparenza molto inferiore, in realtà non viene rosicchiato dalle altre voci di gestione. Innanzitutto, infatti, il personale medico e paramedico ha stipendi che oscillano tra i 200 e i 600 euro al mese. Il costo della vita più contenuto incide anche sugli affitti o sugli acquisti dei locali commerciali: a Tirana, il canone mensile è di circa 10 euro al metro quadro, tre volte meno rispetto alle maggiori città italiane, e si può comprare un immobile da 100 metri quadrati, in centro, a 110mila euro. Retribuzione più bassa equivale a tassazione agevolata: si aggira solo intorno al 10 per cento. Decisamente più abbordabili anche le imposte sulle attività commerciali: niente Imu e tassa sui rifiuti da 10 euro al mese.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

“Il Pd vende armi all’Isis”. E lancia un iPad contro l’esponente Pd Roberto Speranza (illeso)

next
Articolo Successivo

Roma e i fantasmi di Italia ’90, riapre la ferrovia “insicura” chiusa dopo i mondiali. “I palazzi tremano ancora”

next