A neanche ventiquattro ore dalla morte di George Michael il mondo piange una delle più belle voci della musica pop internazionale. In una veloce carrellata ecco dieci canzoni che ci aiutano a ricostruire il profilo di una popstar che ci ha saputo regalare sia momenti giocosi che picchi emotivi di incredibile profondità.

Last Christmas
George Michael è morto a cinquantatré anni il giorno di Natale dell’anno più nefasto della musica contemporanea. Da oltre trent’anni, miracolo, questa canzone è entrata a far parte della colonna sonora delle feste natalizie al pari di altri classici. Da ieri, purtroppo, questa canzone è stata incaricata di ricordare uno dei più grandi del pop di sempre, voce unica, penna raffinata. Non inserirla tra le dieci canzoni per celebrarlo sarebbe stato troppo da radical chic, ma quel che segue è molto meglio di così, fidatevi.

Wake me up before you go-go
Se dovessimo fermare la prima parte della carriera di George Michael in una canzone, partendo dagli Wham!, band che già in quel punto esclamativo dichiaravano la propria poetica, non possiamo che scegliere questa canzone. Un pop scanzonato ma perfettamente intessuto in cui il nostro non ha modo di far sapere già tutto quello che farà poi, ma sicuramente dimostra di saper maneggiare corde vocali e spartiti come pochi altri. Leggero ma consistente, se mai fosse possibile.

George Michael, da Last Christmas a Somebody to love con i Queen. Le dieci canzoni di una popstar assoluta e che ci mancherà

AVANTI

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

VASCO DA ROCKER A ROCKSTAR

di Michele Monina e Vasco Rossi 16€ Acquista
Articolo Precedente

George Michael, con la sua morte se ne vanno definitivamente gli anni ’80. Un altro addio che si aggiunge alla lista troppo lunga del 2016

next
Articolo Successivo

I peggiori album del 2016 secondo Michele Monina. Mini recensioni dolci come il fiele

next