A neanche ventiquattro ore dalla morte di George Michael il mondo piange una delle più belle voci della musica pop internazionale. In una veloce carrellata ecco dieci canzoni che ci aiutano a ricostruire il profilo di una popstar che ci ha saputo regalare sia momenti giocosi che picchi emotivi di incredibile profondità.

Last Christmas
George Michael è morto a cinquantatré anni il giorno di Natale dell’anno più nefasto della musica contemporanea. Da oltre trent’anni, miracolo, questa canzone è entrata a far parte della colonna sonora delle feste natalizie al pari di altri classici. Da ieri, purtroppo, questa canzone è stata incaricata di ricordare uno dei più grandi del pop di sempre, voce unica, penna raffinata. Non inserirla tra le dieci canzoni per celebrarlo sarebbe stato troppo da radical chic, ma quel che segue è molto meglio di così, fidatevi.

Wake me up before you go-go
Se dovessimo fermare la prima parte della carriera di George Michael in una canzone, partendo dagli Wham!, band che già in quel punto esclamativo dichiaravano la propria poetica, non possiamo che scegliere questa canzone. Un pop scanzonato ma perfettamente intessuto in cui il nostro non ha modo di far sapere già tutto quello che farà poi, ma sicuramente dimostra di saper maneggiare corde vocali e spartiti come pochi altri. Leggero ma consistente, se mai fosse possibile.

George Michael, da Last Christmas a Somebody to love con i Queen. Le dieci canzoni di una popstar assoluta e che ci mancherà

AVANTI
close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

George Michael morto, un minuto di grandi successi

prev
Articolo Successivo

I peggiori album del 2016 secondo Michele Monina. Mini recensioni dolci come il fiele

next