Careless Whisper
Questa ballatona Michael l’ha scritta quando aveva diciassette anni. Noi, poco più piccoli, su questa ballata ci abbiamo fatto i primi lenti. Ma a parte le emozioni e i ricordi personali, già solo il solo di sax sarebbe sufficiente per far assurgere Careless Whisper al novero di brano lento per antonomasia della decade tutta Synth e batterie elettroniche. Un piccolo gioiello. Anzi, un gioiello e basta.

I Want your sex
Nel 1987 esce Faith, primo album solista del nostro. Se il brano omonimo ce lo mostrava chitarra acustica a tracolla, chiodo e ray ban, in perfetto stile con la moda dell’epoca, questo funkettone sintetico ci mostra un George Michael inedito, non più gioiosamente adolescenziale, ma sessualizzato e voluttuoso. Il video ha illuminato i pomeriggi di una intera generazione di ragazzini, a Deejay Television.

INDIETRO

George Michael, da Last Christmas a Somebody to love con i Queen. Le dieci canzoni di una popstar assoluta e che ci mancherà

AVANTI
close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore

VASCO DA ROCKER A ROCKSTAR

di Michele Monina e Vasco Rossi 16€ Acquista
Articolo Precedente

George Michael, con la sua morte se ne vanno definitivamente gli anni ’80. Un altro addio che si aggiunge alla lista troppo lunga del 2016

next
Articolo Successivo

I peggiori album del 2016 secondo Michele Monina. Mini recensioni dolci come il fiele

next