False comunicazioni sociali delle società quotate. E’ il reato ipotizzato nei confronti di 23 persone finite sotto inchiesta dalla procura di Roma nell’inchiesta che ha portato oggi a una serie di perquisizioni presso un gruppo di società collegate alla Methorios Capital spa. Tra gli indagati figura anche Alfio Marchini, candidato a sindaco di Roma, cui la Methorios Capital è direttamente collegata.

Nel primo pomeriggio la Guardia di Finanza ha eseguito 19 perquisizioni in 13 società collegate alla Methorios e presso le abitazioni degli amministratori, nell’ambito dell’operazione denominata Scacco matto. Secondo gli investigatori del Nucleo di Polizia valutaria, gli indagati avrebbero condotto operazioni finanziarie sospette per importi rilevanti che hanno interessato la Banca Popolare di Vincenza e la Banca Popolare dell’Etruria e del Lazio.

Nei confronti di tutti gli indagati il reato contestato è quello di concorso in false comunicazioni sociali delle società quotate, in ordine ai bilanci (consolidato e di esercizio) della Methorios chiusi al 31 dicembre 2014 e 2015.  Marchini, in particolare, è sotto inchiesta per lo stesso reato riferito al bilancio, chiuso al dicembre 2015, della società Imvest spa.

Il procedimento, coordinato dal procuratore aggiunto Rodolfo Sabelli, è stato avviato dopo la denuncia presentata il 4 ottobre scorso da Andrea Suriano, vicepresidente del cda e consigliere di Methorios e tra gli indagati, “da cui emerge – si legge nel decreto di perquisizione – un grave ed univoco quadro indiziario in ordine alla commissione dei reati”, riferiti all’approvazione di bilanci di società quotate all’Aim Italia.

Dalle verifiche “è emerso che nei bilanci e altre comunicazioni dirette ai soci e al pubblico sono stati consapevolmente esposti fatti materiali non rispondenti al vero e che è stata omessa la comunicazione al mercato di fatti materiali rilevanti circa la situazione economica, patrimoniale e finanziaria di Methorios”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Terrorismo, da Bresso all’Iraq per il Jihad. Marocchino ricercato: “Ha arruolato figlio di 10 anni”

prev
Articolo Successivo

Palermo, la cupola di Black Axe in manette: 17 nigeriani fermati: “Una mafia più violenta di Cosa nostra”

next