Due morti e due dispersi in Alto Adige. Una comitiva di quattro esperti alpinisti, di origine altoatesina, è stata travolta da una valanga durante la scalata al ghiacciaio della Gran Vedretta, a 3.464 metri di quota, in Val di Vizze. Le ricerche ancora in corso, condotte dal soccorso alpino di Colle Isarco e da quello di Vipiteno, hanno finora permesso di recuperare i due cadaveri. Ancora non si hanno notizie degli altri due escursionisti.

I quattro alpinisti erano partiti sabato per salire il ghiacciaio attraverso la via normale, che di solito è ghiacciata, nella zona del Gran Pilastro, di cui la Gran Vedretta è la cima più settentrionale.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Migranti che non potremo mai rimpatriare. Nel cimitero di Armo con padre Alain: “Ecco cosa dico all’Occidente”

prev
Articolo Successivo

Arezzo, ultraleggero precipita in un bosco: due morti. Partito da un raduno a Cavriglia

next