MAGNETI MARELLI FCA

 

La multinazionale coreana vuole allargare il suo giro d’affari nel settore automotive: dopo aver rilevato per 450 milioni di euro una quota della cinese Byd (specializzata in auto elettriche), il colosso asiatico mira proprio alla divisione Automotive Lighting di Magneti Marelli ma anche al suo know-how in tema di centraline, navigatori, quadri di bordo, sistemi elettronici e motori elettrici. MM produce anche componenti anche per la Formula1 e la MotoGP.

In ballo c’è il ricco piatto della componentistica per auto. Inoltre, per Samsung Magneti Marelli non è un’azienda sconosciuta: nel 2009 quelli di Seul hanno firmato un accordo di cooperazione con la controllata di FCA proprio per lo sviluppo di quadri di bordo, GPS ed infomobilità. Recentemente i coreani hanno equipaggiato un prototipo della Genesis, marchio di lusso del gruppo Hyundai, con un maxi-touchscreen curvo da 21 pollici e risoluzione 4K: una bella prova tecnica ed un chiaro segnale di interesse per l’industria delle quattro ruote.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

FlixBus, quanto costa e come funziona l’Interrail del nuovo millennio

next
Articolo Successivo

Connettività, gli automobilisti si buttano tra le braccia di chi offre quella migliore

next