FARI MAGNETI MARELLI

 

Acronimo di “light emitting diode”, i LED sono formati da un chip di materiale semiconduttore e da due filamenti, uno che rappresenta la parte negativa – che è collegata alla corrente elettrica a basso voltaggio – ed uno quella positiva. Fra i vantaggi dei LED c’è sicuramente la longevità, pari a circa 20 volte quello di un sistema allo Xeno, e l’efficienza energetica: i diodi luminosi permettono un consumo di circa 5 volte inferiore ad un impianto con luci alogene e la metà di uno allo xeno. Inoltre producono un fascio luminoso molto simile alla luce diurna, e sono insensibili a vibrazioni e umidità. I fari abbaglianti “matrix”, a matrice di Led, sono in grado di spegnere alcune porzioni del faro per non abbagliare pedoni o veicolo che sopraggiungono.

Da poco la divisione Automotive Lighting di Magneti Marelli ha inaugurato nel suo polo industriale di Juárez – si trova in Messico, è attivo dal 1997 e dà lavoro a 3.000 dipendenti, di cui 165 addetti alla fabbricazione di diodi luminosi (che diventeranno 400 nel 2017) – una nuova linea per la fabbricazione di Led, che va ad aggiungersi a quelle già esistenti. Servirà ad accontentare le esigenze di un mercato in forte crescita: si stima che la diffusione di Led per l’illuminazione frontale dell’auto cresca da una quota di circa il 20% nel 2016 fino al 50% circa nel 2020 (fonte: IHS – AL).

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

FlixBus, quanto costa e come funziona l’Interrail del nuovo millennio

next
Articolo Successivo

Connettività, gli automobilisti si buttano tra le braccia di chi offre quella migliore

next