I vantaggi dei fari prodotti in Messico

FARI MAGNETI MARELLI

 

Acronimo di “light emitting diode”, i LED sono formati da un chip di materiale semiconduttore e da due filamenti, uno che rappresenta la parte negativa – che è collegata alla corrente elettrica a basso voltaggio – ed uno quella positiva. Fra i vantaggi dei LED c’è sicuramente la longevità, pari a circa 20 volte quello di un sistema allo Xeno, e l’efficienza energetica: i diodi luminosi permettono un consumo di circa 5 volte inferiore ad un impianto con luci alogene e la metà di uno allo xeno. Inoltre producono un fascio luminoso molto simile alla luce diurna, e sono insensibili a vibrazioni e umidità. I fari abbaglianti “matrix”, a matrice di Led, sono in grado di spegnere alcune porzioni del faro per non abbagliare pedoni o veicolo che sopraggiungono.

Da poco la divisione Automotive Lighting di Magneti Marelli ha inaugurato nel suo polo industriale di Juárez – si trova in Messico, è attivo dal 1997 e dà lavoro a 3.000 dipendenti, di cui 165 addetti alla fabbricazione di diodi luminosi (che diventeranno 400 nel 2017) – una nuova linea per la fabbricazione di Led, che va ad aggiungersi a quelle già esistenti. Servirà ad accontentare le esigenze di un mercato in forte crescita: si stima che la diffusione di Led per l’illuminazione frontale dell’auto cresca da una quota di circa il 20% nel 2016 fino al 50% circa nel 2020 (fonte: IHS – AL).

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

FlixBus, quanto costa e come funziona l’Interrail del nuovo millennio

prev
Articolo Successivo

Connettività, gli automobilisti si buttano tra le braccia di chi offre quella migliore

next