E’ il 31 marzo 2014 quando lo spot per promuovere le nascite diffuso dal governo danese diventa virale. Il filmato è la ciliegina sulla torta di una campagna geniale per incentivare la fertilità nel paese nordeuropeo. Come? Partendo dall’assunto che i danesi fanno più sesso quando sono in ferie, il piano prevede una serie di sconti per viaggi nel periodo dell’ovulazione e se una volta a casa si dimostra di avere concepito si accede a un concorso per vincere una serie di prodotti per l’infanzia. Un caso di scuola che non deve essere stato notato dal ministero della Salute italiano, la cui per modo di dire campagna gemella ha sollevato un vespaio di polemiche. L’iniziativa danese era poi aperta anche alle coppie gay e a quelle sterili perché, come recita la pubblicità, “l’importante è partecipare”. Decisamente troppo avanti per noi

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Andrea Iannone, il pilota MotoGp ripreso mentre prende a martellate il finestrino della sua auto

next
Articolo Successivo

Social network, Scanzi: “Gasparri litiga anche col Puffo brontolone”

next