Il premio Nobel, Dario Fo, compare nella pellicola ‘Sweet Democracy‘ del giovane regista Michele Diomà, film nato con l’intento di denunciare la scomparsa della satira politica dal cinema italiano contemporaneo (leggi l’articolo di Anna Maria Pasetti). Il lungometraggio uscirà a settembre. Un progetto al quale hanno partecipato tra gli altri: Renato Scarpa, il produttore internazionale Donald Ranvaud e come direttore della fotografia, Raffaele Manco

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Rockin’1000, a Cesena il maxi concerto live da record: 1.200 musicisti suonano insieme sul palco

next
Articolo Successivo

Fox, Legion: la serie evento targata Marvel. La clip per il Fatto.it

next